Vero o falso? 7 leggende metropolitane sul lavaggio

I miti sulla lavanderia e il lavasecco si riscontrano effettivamente nella realtà? Metti fine ai tuoi dubbi e abbi cura dei tuoi capi come si deve.

In questo articolo vorremmo dimostrarti come alcune storie che avrai sentito sulla lavanderia e il lavasecco siano in effetti solo dei miti. Il perché le persone se li inventino è una domanda che ci siamo posti, insieme al perché poi, alla fine, la gente ci creda. Supponiamo che questo accada perché le persone non sanno come prendersi cura dei propri capi. In questo articolo ti spiegheremo come fare per tenerli bene e cosa può accadere se, invece, non segui certe regole.

Mito n. 1: Dovresti lavare i tuoi indumenti ogni volta che li indossi

Lavare troppo la roba o farlo quando effettivamente non è davvero sporca, è un errore comune. In realtà dipende dal tuo stile di vita, dal tuo buonsenso e dal rispetto che tutti dovremmo nutrire verso gli altri (vedi il cattivo odore). Se sei una persona parsimoniosa, è meglio fare la lavatrice di sera, quando l’energia elettrica dovrebbe costare meno. Non esagerare però! Se la azioni troppo tardi potresti disturbare il sonno dei vicini! In generale, dal punto di vista ambientale, è davvero importante evitare di lavare gli indumenti ogni volta che li si indossa, riducendo l’utilizzo della lavatrice. La buona notizia, però, è che oggi molte marche di lavatrici sono a risparmio energetico.

Per riassumere, ricorda solo una cosa: l’intimo e gli indumenti che indossi per fare attività fisica devono essere lavati ogni volta che li indossi. Il resto, invece, puoi lavarlo anche dopo diversi utilizzi. Per esempio, i jeans.

Mito n. 2: Il lavaggio a secco mantiene i tessuti intatti

Lavare a secco i tuoi indumenti non è sempre necessario. Ti raccomandiamo di controllare sempre l’etichetta prima, è lì per una ragione! Infatti, anche se la tua intenzione è buona, se trovi scritto “non lavare a secco”, significa che il tessuto potrebbe avere un rivestimento che durante il processo di lavaggio si può rovinare. In questi casi, lavare il capo normalmente preserverà il tessuto.

Mito n. 3: Usare l’ammorbidente è necessario

Senza dubbio, l’ammorbidente rende i capi più morbidi e soffici, migliorando il loro aspetto e donando vivacità ai colori. Tuttavia, aggiungendolo a ogni lavaggio, rende le fibre più suscettibili e fragili, in quanto rilascia una patina che, nel tempo, rende le fibre più impenetrabili all’acqua e al detersivo.

Mito n. 4: Qualsiasi capo di cashmere o seta deve essere lavato a secco

Cashmere, seta e poliestere sono conosciuti come tessuti che dovrebbero essere lavati esclusivamente a secco. In realtà, questi tessuti possono essere lavati anche in lavatrice. Il lavasecco è necessario se il capo ha una tintura particolare o è delicato. Insomma, bisogna sempre leggere l’etichetta.  E in caso di dubbio, la guida completa al cashmere è a portata di clic.

Mito n. 5: Se lavi i capi in lavatrice, si restringono

Non è esattamente così. A patto che stia attento a quali capi metti in lavatrice. Assicurati di controllare l’etichetta di ogni capo prima di lavarli e asciugali all’aria aperta invece di utilizzare l’asciugatrice. In questo modo puoi evitare che restringano. È una delle regole fondamentali del bucato.

Mito n. 6: Appendere i capi è il miglior modo di asciugarli

Come sempre, leggi l’etichetta. Se c’è scritto di di stenderli su una superficie piana ovviamente non dovrai appenderli nell’appendino o stendino per evitare che il tessuto si allunghi o che rimanga il segno delle mollette o della forma della gruccia.
Però se asciughi i capi nell’asciugatrice, ti consigliamo di tirarli fuori quando sono ancora un po’ bagnati in modo da permettere all’umidità di evaporare gradualmente.

E per finire, possiamo sfatare il mito n. 7: i reggiseni non rompono la lavatrice

E se ti dicessimo che invece è vero? Le ultime statistiche dicono che la durata media di una lavatrice oggi è di soli 7 anni circa, ma si può accorciare se un reggiseno si intrappola nel tamburo della macchina.
Fai in modo che la tua lavatrice duri più a lungo lavando i reggiseni a mano dopo 2 -3 volte che li usi. Ricorda di stenderli all’aria e di non usare l’asciugatrice, si rovinerebbero.

Se ancora non ti è chiaro cosa sia vero e cosa no di quanto si dice sul bucato, affidati a dei professionisti! Scarica Lavadì da Google Play o dall’App Store Apple.

Lavanderia a domicilio con app per iPhone Lavanderia a domicilio con app per Android